Renato Marco Tonelli: la mixology italiana trionfa nel mondo

287

Alla Worldclass Diageo Reserve 2023 di Austin (Texas)
per gli USA si è classificato il trainer italoamericano
della MIXOLOGY Academy.
La finalissima sarà a settembre in Brasile

“Siamo entusiasti di annunciare che il nostro trainer Renato Marco Tonelli si è qualificato al primo posto per gli USA alla Worldclass Diageo Reserve 2023 negli Stati Uniti, il più importante mondiale dei barman. La sfida si è svolta ad Austin, Texas. Il giovane, che in questi anni è diventato un brand come ‘sustainable bartender‘, rappresenterà il suo Paese ai Globals di San Paolo del Brasile a settembre. I suoi cocktail ispirati alla sostenibilità hanno entusiasmato i giudici! “: lo dichiara Ilias Contreas, titolare e cofondatore della MIXOLOGY Academy con Luca Malizia.
Tonelli è Beverage Training Director a Dante, New York City, un cocktail bar famoso che è stato riconosciuto a livello mondiale. Ha la responsabilità di creare cocktail e di insegnare allo staff come eseguirli in maniera accurata. “E non mi faccio mancare la gioia di essere dietro al bancone – dice- visto che fare il Barman rimane sempre la mia passione”.

Determinante per la sua crescita professionale, l’esperienza alla MIXOLOGY Academy: “Ho studiato poi insegnato nella sede di Roma della MIXOLOGY Academy – racconta Renato Marco Tonelli -. L’Accademia è stata ed è ancora come una seconda casa per me. Il team è composto da persone fantastiche e genuine, il che riflette esattamente i due capi e la loro mentalitá. Non c’è egoismo o sfrontatezza, non importa se hai già lavorato dietro un bancone di un bar o se non hai esperienza alcuna, questa scuola è il posto perfetto per crescere ed avere linee guida che ti accompagneranno per il resto della tua carriera. Una volta che entri a farne parte, farai parte di una famiglia che ti sosterrà per sempre. La MIXOLOGY Academy mi ha mostrato la parte piú bella del lavoro nel settore alberghiero, mi ha fatto conoscere liquori ed amari approfonditamente, mi ha aperto la mente sulla creazione di ingredienti artigianali e sulla cucina molecolare. Mi ha completamente cambiato la vita perché ho scoperto quanto questo settore sia pieno di bellezza e di infinite possibilitá di autorealizzazione”.

La formazione erogata dalla MIXOLOGY Academy è la più completa in Italia e dal 2008 ad oggi ha fatto evolvere il mestiere del barman a vera e propria professione, il Global Bartender, come Tonelli, figure richieste nei bar e negli hotel 5 stelle in tutto il mondo. Non solo: l’accademia può garantire che gli studenti troveranno un lavoro, e ben retribuito da subito, entro 3 mesi dalla conclusione dei corsi. Con il metodo proprietario del Global Bartending, alla workstation si insegna a ottimizzare tempi e materiali, secondo il principio ‘zero sprechi’. Le lezioni si tengono sia online sia dal vivo nelle due sedi di Roma e Milano, che si estendono ognuna su almeno 600 mq suddivisi tra 5 aule e oltre 90 postazioni all’avanguardia. Si imparano sia i metodi tradizionali della miscelazione sia i più futuristici, e i distillati e liquori – circa 1000 etichette di tutto il mondo – a livello tecnico e organolettico. In questo modo il corsista è in grado di realizzare qualsiasi tipologia di cocktail o bevanda, equilibrati abbinamenti tra distillati/liquori/cocktail e cibo e perfino di creare proprie ricette. Sono disponibili sessioni di approfondimento online in Streaming, Webinar in diretta e sulla App. L’Accademia poi rilascia un diploma di prestigio internazionale che è pure requisito specifico utile al rilascio della licenza per l’apertura di un locale di somministrazione di alimenti e bevande. L’ente è certificata RINA Services Spa a sua volta certificato da ACCREDIA e CISQ, e ha conseguito l’Accreditamento Regionale sia in Lazio sia in Lombardia, condizione per poter offrire pure corsi finanziati e riconosciuti.
Le Ricette vincenti di Mario Tonelli: sostenibilità ambientale e zero sprechi
Durante la competizione di World Class il Bartender ha implementato tutte le tecniche che valorizzano l’eco sostenibilità e limitano gli sprechi dietro al bancone.

La prima prova: Ketel One Vodka
Nome: Market Sangria
Glassware: Glass Soda Can
• 1¼ oz Ketel One Vodka infusa con fichi secchi
• ½ oz Erbe aromatiche locali
• 1 oz Succo d’uva chiarificato
• 1¼ oz Orange Wine Blend
• 2 oz Pink Lady Apple Kombucha
• 2 dashes Ketel One Peach & Orange Blossom
• 2 dashes Soluzione Saline
• Decorato con Erbe aromatiche locali

La seconda prova: Johnnie Walker
Nome: Urban Garden
Glassware: Fizz Glass
• 1¼ oz Johnnie Walker High Rye
• ¼ oz Seedlip Garden 108
• ¼ oz Dolin Dry Vermouth
• ½ oz Te verde
• ½ oz Cordial creato con scarti di ingredienti
• ½ oz Lime Juice
• Tomatillos
• 2 dashes Assenzio
• 2 dashes Soluzione Saline
• 1 oz Egg white
• Green Chartreuse Spray
• Garnished with micro menta

AUTORERedazione
Articolo precedenteAgribologna: al via la nuova campagna di comunicazione 2023
Articolo successivoSoave: Graziano Prà presenta Colle Sant’Antonio 2018