Ripartenza dal Vinitaly: Primitivo di Manduria una certezza

1125

“Siamo arrivati a Verona per il Vinitaly Special Edition pieni di attese soprattutto nel vederci di persona dopo anni incerti. Abbiamo registrato nel nostro stand una gran voglia di conoscere il nostro Primitivo di Manduria attraverso le nostre 42 aziende – dichiara Francesco delle Grottaglie, presidente del Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria -. Inizialmente abbiamo avuto delle perplessità nel partecipare alla kermesse veronese, ma il nostro ruolo principale è la promozione e, tirando le somme, possiamo dire con certezza che abbiamo fatto la scelta giusta. Abbiamo infatti registrato una buona attenzione verso il nostro brand grazie anche alla scelta del Vinitaly di invitare solo pubblico professional. Tanti buyers e operatori del settore hanno avuto voglia di conoscere le tante sfumature del nostro Primitivo di Manduria. Da neo presidente il mio obiettivo sarà quello di portare avanti i progetti del Consiglio di Amministrazione uscente e soprattutto la nostra azione sarà rivolta alla tutela, vigilanza e alla promozione all’estero. Il 70% della nostra produzione è infatti destinata ai mercati internazionali”.

Alcuni numeri

Nel 2020 si sono prodotte oltre 28 milioni di bottiglie che corrispondono a più di 21 milioni di litri per un giro d’affari di oltre 182 milioni di euro. Sono questi i numeri di una delle denominazioni più importanti d’Italia, il Primitivo di Manduria DOP, per il 2020, con un aumento di circa il 26% rispetto al 2019.

AUTORERedazione
Articolo precedenteMilano Wine Week: presentata la 12^ Guida “Slow Wine”
Articolo successivoSapori dei Nebrodi a Taormina Gourmet col pizzaiolo Andrea Pellegrino