“Hostaria Ducale”, Liguria e Friuli: cena a 4 mani tra Rebosio e Giacomello

578

GENOVA – Hostaria Ducale apre la propria cucina al celebre chef Terry Giacomello che lavorerà fianco a fianco con lo chef Daniele Rebosio, realizzando un menu che presenterà i piatti iconici di entrambi.

Quello del 9 febbraio è un appuntamento unico ed esclusivo che porterà tra i tavoli di Hostaria Ducale l’estro, la tecnica e il gusto dei due chef. Accomunati da molte esperienze professionali all’estero, Terry Giacomello e Daniele Rebosio hanno creato un menu dove la saggezza e la fantasia del primo si coniugano con l’eleganza e il talento del secondo.

Un altro importante tassello per Hostaria Ducale che prosegue con la scelta di offrire la migliore esperienza ai propri ospiti, dedicando loro attenzione e premura. Il ristorante propone una filosofia di cucina dove l’approvvigionamento delle materie prime a supporto di una filiera etica e giustamente ligure, scaturisce dalla consapevolezza che questo è il primo, ma fondamentale passo per l’eccellenza. È con questo modus operandi che Hostaria Ducale ha concretizzato l’evento dove Liguria e Friuli si intrecciano offrendo i piatti iconici dei due chef protagonisti.

Per chi ama pregustare la cena, ecco il menu in otto portate:

Piccolo benvenuto

Omaggio al Friuli
Terry Giacomello

Sgombro in carpione, olive verdi e acciuga
Daniele Rebosio

Tagliolino al bianco d’uovo con caviale di tartufo nero, fonduta di parmigiano… il suo tuorlo
Terry Giacomello

Risotto Riserva San Massimo, anguilla affumicata e cavolo viola
Daniele Rebosio

Tonno in “capponadda”
Daniele Rebosio

Castagnole di maiale, spuma di cocco e salsa di fagioli neri alle radici piccanti
Terry Giacomello

Porcini e tartufo bianco
Daniele Rebosio

Il limone dimenticato…
Terry Giacomello

Piccola Pasticceria

Info e prenotazioni: prenotazioni@hostariaducale.it, + 39 010 455 2857
https://www.hostariaducale.it/prenotazione/

AUTORERedazione
Articolo precedenteLe Guide enologiche internazionali premiano i vini dell’Alto Adige
Articolo successivoTeatro: allo Stabile di Catania arriva “Closer” di Patrick Marber