Teatro: allo Stabile di Catania arriva “Closer” di Patrick Marber

499

Firmato da Alessandro Maggi sarà in scena dal 2 al 5 febbraio

CATANIA – Da giovedì 2 febbraio a domenica 5 va in scena a Sala Futura “CLOSER” di Patrick Marber, un testo diventato famoso anche per un film realizzato nel 2004, diretto da Mike Nichols, con Jude Law, Natalie Portman, Julia Roberts e Clive Owen.
A metterlo in scena per la Stagione dello Stabile di Catania è Alessandro Maggi che per raccontare il suo spettacolo parte da una considerazione: “Una dichiarazione d’amore è il passaggio dal caso al destino, ed è per questo che è così pericolosa?”.

Nello spettacolo in realtà è proprio il caso a far incontrare i quattro personaggi di questa storia: la randagia Alice, lo scrittore mancato Dan, la creativa Anna e il superbo Larry.
“L’incrocio di queste vite genera una sequela di relazioni, bugie, tradimenti, gelosie – scrive il regista nelle note del programma – che diviene paradigma di epoche e illumina sulla vacuità dei legami e sulle incapacità nel saperli gestire. È lo specchio di tutti i tempi in cui la verità è solo un tormento che perde ogni suo calore, riducendosi a un bisogno che rispecchia la natura instabile e incerta dei protagonisti circa le loro stesse intenzioni e desideri. La ricerca spasmodica delle emozioni e dell’innamoramento, che nasce dal lume della razionalità e dell’ego, mostra un’umanità che si perde nel vano tentativo di costruire una solidità dei rapporti, un mondo in cui l’amore (o presunto tale) si innesca per un semplice sguardo o per un’attrazione epidermica destinata ad esaurirsi con lo stesso livello di superficialità che caratterizza la sua natura”.

“L’inizio e la fine: sono questi gli unici attimi di cui è fatto l’amore?” si interroga infine Maggi. Se fosse così, non resterebbe che mentire per proteggere sé stessi, preservando la propria natura più profonda, forse sperando che un giorno qualcuno la meriti.

CLOSER
di Patrick Marber
traduzione Marco Casazza
regia Alessandro Maggi
con Pasquale di Filippo, Alberto Fasoli, Silvia Giulia Mendola, Gilda Postiglione
scene e costumi Stefania Bocchia
assistente alla regia Livia Castiglioni
videomaker Cristina Crippa
grafica Carla Sabbatucci
produzione Teatro Stabile di Catania, PianoinBilico, Geco.B Eventi

AUTORERedazione
Articolo precedente“Hostaria Ducale”, Liguria e Friuli: cena a 4 mani tra Rebosio e Giacomello
Articolo successivo“Derthona Due.Zero”: torna l’anteprima dedicata al vitigno Timorasso