Serena Wines 1881: estratto il n. 2 di Audace, Prosecco “underwater”

245

Per la seconda volta riemerge Audace, il Prosecco Doc Trieste affinato sott’acqua nato dall’incontro di Serena Wines 1881 con l’azienda triestina Parovel vigneti oliveti 1898. Nei giorni scorsi, infatti, sono state estratte le 6.000 bottiglie millesimo 2022 che cinque mesi prima, dalle colline del Carso, erano state inabissate a 20 metri di profondità nel Golfo di Trieste per maturare “underwater”. Qui – in una piccola area di 67 mq, in concessione demaniale, sul fondo dello specchio acqueo in Punto Franco Nuovo – una vera e propria cantina subacquea ha ospitato questo prosecco in edizione limitata per un affinamento di cui sono stati spettatori esclusivamente la fauna marina e qualche esperto sub chiamato a verificare l’integrità delle bottiglie.

Audace è un progetto fortemente legato al territorio, che nasce dall’idea di far riposare il Prosecco Doc Trieste nel suo Golfo, sfruttando l’esperienza di due grandi realtà vinicole locali e proiettando le enormi potenzialità di questo prodotto in un settore inedito. Dopo una fermentazione di tre mesi con metodo Charmat in Friuli, infatti, il Prosecco Doc Trieste Underwater Wine invecchia godendo delle condizioni estremamente favorevoli delle acque marine profonde. Qui, innanzitutto, la temperatura ideale per l’affinamento è costante e viene raggiunta naturalmente, senza la necessità di impianti per il condizionamento e il mantenimento. In secondo luogo le acque marine più profonde sono caratterizzate dalla quasi totale assenza di luce, condizione perfetta per la conservazione del vino. L’acqua del mare, inoltre, esercita sulle bottiglie una pressione forte e costante dall’esterno verso l’interno: questo riduce al minimo la quantità di aria e ossigeno che interagisce con il vino, preservandolo e favorendo l’espressione delle sue caratteristiche organolettiche una volta riportato in superficie. Senza contare che il movimento leggero e ondulatorio in profondità contribuisce a cullare le bottiglie favorendone la singolare evoluzione. Il risultato è uno spumante dall’incredibile unicità gustativa e caratteriale, un Prosecco prezioso, destinato ai veri estimatori.

Commenta Luca Serena, quinta generazione oggi alla guida di Serena Wines 1881: “Il progetto Audace, oltre a dimostrare quanto crediamo in questa innovativa benché antica modalità di affinamento, nasce prima di tutto dal legame mio e della mia famiglia con Trieste e il Friuli. Da sempre nutro una grande passione per la città di Trieste, di cui mi affascina non solo la storia di seconda capitale dell’impero asburgico ma anche quel brio, quell’atmosfera frizzante che si respira a bordo mare. Proprio qui, presso il celebre molo Audace, io e la figlia di Zoran Parovel – a cui mio padre Giorgio era legato da una profonda amicizia – abbiamo pensato di rendere omaggio ai nostri genitori unendo le forze per dare vita al primo Prosecco Doc Trieste Underwater Wine”.

A fianco di Serena Wines 1881 e Parovel vigneti oliveti 1898, ha collaborato alla realizzazione di Audace l’agenzia grafica Francescon e Collodi di Conegliano, che detiene la proprietà del marchio e ha dato forma alla creatività di questa incredibile storia sottomarina.

AUTORERedazione
Articolo precedenteDOC delle Venezie: 2° Forum internazionale del Consorzio
Articolo successivoNovell’Olio 2023, VII edizione alla Real Cantina Borbonica di Partinico