Un viaggio nel tempo e nel gusto: Fattoria della Talosa

181

L’azienda vinicola toscana che dal 1972 produce Vino Nobile è lieta di aprire le porte della sua Cantina Storica del 1500 per un wine tour indimenticabile,
nel cuore vinicolo e culturale di Montepulciano

Fattoria della Talosa è un universo da scoprire. Letteralmente. Vanto dell’enologia Toscana dal 1972, l’azienda annuncia l’apertura della stagione enoturistica invitando appassionati e curiosi a varcare le soglie della sua storica cantina cinquecentesca, nascosta nel cuore di Montepulciano sotto la maestosa Piazza Grande. Un invito a scoprire non solo il fascino dei vini apprezzati globalmente ma anche la ricchezza storica di una terra senza tempo.
Situata in una delle regioni più pregiate e ricche di storia, Fattoria della Talosa si erge come custode di un patrimonio enologico e culturale di inestimabile valore. Guidata con passione da Edoardo Mottini Jacorossi e famiglia, l’azienda promette un viaggio attraverso secoli di storia vinicola, dalle origini etrusche e romane, attraverso il Medioevo fino all’esplosione del Rinascimento. “Montepulciano non è solo un museo a cielo aperto ma il cuore pulsante della tradizione enologica italiana, casa del Vino Nobile, primo DOCG del Paese” afferma Edoardo Mottini Jacorossi.

Un tour nella cantina storica di Fattoria della Talosa diventa così un’esperienza immersiva, un percorso che inizia nei sotterranei di due tra i più antichi palazzi della città, Tarugi e Sinatti, e si snoda attraverso gallerie che custodiscono le grandi botti d’affinamento del Vino Nobile, le più vecchie delle quali hanno ben 52 anni di età e, grazie ad esse, qui è stata ottenuta la prima bottiglia di Vino Nobile di Montepulciano dell’azienda. Qui, a quindici metri di profondità, si scoprono le tracce di un passato che ha resistito al tempo: dalle conchiglie fossili del paleocene alle vestigia di una tomba etrusca del VI secolo a.C., simbolo di una civiltà antica e raffinata.

L’azienda ha recentemente inaugurato anche una sala degustazione, dove i visitatori possono immergersi in un’atmosfera unica, fra antiche grotte e resti fossili, per esplorare i sapori e le storie del territorio. “Siamo riusciti a riportare alla luce questo spazio grazie al racconto appassionato di un anziano signore che da bambino ha vissuto la tragedia della guerra e giocava in quelle che oggi sono le nicchie della nostra Cantina Storica – spiega Jacorossi –. Abbiamo preso vecchie carte e planimetrie e ci siamo chiesti se, effettivamente, ci fosse un passaggio al di là del muro. Dopo intensi mesi di lavoro e molta dedizione, siamo oggi davvero orgogliosi di poter offrire ai visitatori questo spazio bellissimo e di potenziare l’offerta enoturistica di Talosa così da permettere agli appassionati di conoscere meglio questo territorio e i quei luoghi che hanno reso il Vino Nobile di Montepulciano un punto di riferimento enologico per il nostro Paese”.
Per chi desidera un’esperienza esclusiva, Fattoria della Talosa offre visite guidate e degustazioni su prenotazione, mentre il punto vendita in Via Talosa 8 (a soli 20 metri da Piazza Grande) accoglie

quotidianamente gli enoappassionati. Un’occasione unica per immergersi nella cultura del vino e nella storia di una delle più affascinanti città toscane e per vivere un viaggio indimenticabile tra vino, storia e bellezza, nella magica cornice di Montepulciano.

AUTORERedazione
Articolo precedenteVisite e degustazioni: Pasqua tra le cantine dell’Umbria
Articolo successivoRosa Balistreri, si lavora per la Fondazione dedicata alla cantante siciliana