Piemonte, le meraviglie del Monferrato

55

COSTIGLIOLE D’ASTI – Avvolto da dolci colline e rigogliosi vigneti, il Monferrato è una terra dove ogni angolo narra una storia secolare, ogni pietra conserva la memoria di generazioni di viticoltori, e ogni vista offre panorami che invitano alla scoperta e alla contemplazione. Grazie anche al lavoro di promozione del Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, che tutela i vini e le tradizioni di ben 14 prestigiose denominazioni, i visitatori possono immergersi in un ambiente dove la tradizione enogastronomica si fonde armoniosamente con la bellezza naturale circostante.

“I nostri sono paesaggi incantevoli – dichiara Vitaliano Maccario, Presidente del Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato – riconosciuti come Patrimonio Mondiale dell’Umanità, dove è possibile rilassarsi, brindare, gioire e condividere momenti indimenticabili. Invito tutti a venire a scoprire le meraviglie del Monferrato. Questi luoghi sono un tesoro di bellezze naturali, storiche e, naturalmente, enologiche. Ogni visita offre un’esperienza unica, immersi nella storia e nella cultura di un territorio che continua a stupire e a incantare i visitatori da tutto il mondo. Venite a esplorare le nostre tradizioni, gustate i nostri vini, e lasciatevi sorprendere dalla ricchezza del Monferrato.”

Situato nel cuore pulsante del Piemonte, questo idilliaco paesaggio è infatti il luogo ideale per un’esperienza enoturistica completa, che abbraccia la storia, la cultura e la tradizione vinicola del territorio.

“Il settore dell’enoturismo in questo territorio – continua il Presidente Maccario – sta puntando con convinzione su un’offerta diversificata e di qualità, capace di attirare sia il pubblico nazionale che internazionale, e di soddisfare le crescenti aspettative degli enoturisti in termini di esperienze autentiche e coinvolgenti​​”.

Il viaggio attraverso questo territorio inizia nelle cantine storiche, alcune delle quali affondano le loro radici in tempi lontani. Queste cattedrali del vino non sono solo custodi di bottiglie pregiate, ma anche testimoni silenziosi di secoli di dedizione e passione per la viticoltura. Visitare queste cantine significa immergersi in un mondo dove ogni sorso di vino racconta la storia della terra da cui proviene, i segreti del suo invecchiamento e l’arte del suo produttore. Il Monferrato, tuttavia, non è solo celebre per la sua viticoltura, ma anche per i suoi luoghi storici e naturalistici che offrono un contesto unico per la scoperta di un patrimonio ricco e variegato. E’ considerato una delle aree d’Italia più ricche di castelli, appartenenti ad epoche diverse e che regalano al visitatore un excursus storico e culturale, tra questi il Castello di Costigliole d’Asti, sede del Consorzio del Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, che ospita numerosi eventi e mostre d’arte.

Tra i siti degni di nota sicuramente troviamo l’Abbazia di Vezzolano, con la sua architettura romanico-gotica, narra storie del Medioevo piemontese. Le Riserve Naturali di Valandrea e delle Valli di Moncalvo sono paradisi per gli amanti della natura, offrendo sentieri attraverso boschi secolari e vedute panoramiche sul paesaggio collinare. Questi luoghi, assieme alle cantine storiche, rendono il Monferrato una destinazione eccezionale per chiunque voglia coniugare natura, attività all’aria aperta e una proposta enogastronomica di altissimo livello.

 

AUTORERedazione
Articolo precedentePasta con zucchine e formaggio spalmabile erborinato
Articolo successivoDal cuore del Piemonte, “Barbera d’Asti Wine Festival”