A Villa della Torre Chiara Civello chiude la rassegna “Calici di Jazz”

247

Non strettamente jazz, non solo pop, lontanissima da classificazioni se non autrice ed interprete di una musica naturalmente sofisticata, “globale” e italiana, nello stesso tempo.
Sarà Chiara Civello, cantante di origini romane ma cittadina del mondo tra Italia, Stati Uniti e Brasile, nonché compositrice e polistrumentista – sei dischi all’attivo e un passaggio a Sanremo – a chiudere, giovedì 15 giugno alle ore 20, la rassegna OFF “Calici di Jazz”, promossa dal Teatro Ristori in collaborazione con l’Associazione Famiglie Storiche. Uno splendido viaggio musicale che ci ha accompagnati in queste settimane di fine maggio e giugno con stelle del Jazz italiano ed internazionale, ospiti nei territori del vino tra Valpolicella.
Ad ospitare la data veronese del tour estivo di Chiara Civello sarà la splendida Villa Della Torre a Fumane di Verona, nel cuore della Valpolicella classica (Via Villa della Torre, 25). Uno dei gioielli più rari e preziosi del rinascimento italiano, opera dei maestri Giulio Romano e Michele Sanmicheli che ne disegnarono le forme tra la fine del 1440 ed il 1562, secondo il modello della domus romana.

«La cultura e l’arte, nelle loro varie espressioni, sono parte integrante della storia e della vita di Villa Della Torre fin dal periodo in cui venne progettata in pieno Rinascimento – la sottolineatura di Marilisa Allegrini, socio amministratore del Gruppo Allegrini -. È un piacere, perciò, che in questo luogo, così suggestivo ed affascinante, la musica prenda lo spazio che merita e che contribuisca a valorizzare l’ambiente della Valpolicella e dei suoi vini».

IL CONCERTO – In questa cornice Chiara Civello porterà alle ore 21.00 Sono Come Sono – Estate 2023, il nuovo spettacolo ispirato al suo ultimo singolo: un inno alla libertà di essere ciò che si è, senza dover necessariamente appartenere ad un genere o uno stile. Un linguaggio musicale che fa trasparire quell’apertura sul mondo che ne ha determinato da sempre la cifra stilistica: nel fare memoria della propria italianità, ma anche interprete di quelle contaminazioni internazionali che ne hanno caratterizzato il percorso musicale fin dagli esordi newyorkesi. Le collaborazioni brasiliane, gli incontri e i featuring con musicisti provenienti da tutto il mondo: questo il background internazionale di Chiara Civello cui ha attinto ed attinge tuttora.
I musicisti che la accompagnano nel tour tengono fede a questa impronta “sono musicisti con una versatilità, una storia e una sensibilità che li rende pronti a ogni volo, a personalizzare i contesti musicali su cui scelgo di affacciarmi”, le parole di Chiara Civello. Vi troveremo le due anime dell’artista, quella autorale e quella da interprete. E nel repertorio proposto, sarà data spazio alle sue canzoni originali, scritte insieme a Bacharach, Bianconi, Dimartino, ma anche a brani di altri grandi autori che da sempre hanno costellano il suo percorso: Michel Legrand, Ennio Morricone, Sergio Endrigo, e tanti altri.

A Boston e New York si forma artisticamente ed entra in contatto con personaggi come Burt, Bacharach e Tony Bennett che la definirà la miglior cantante jazz della sua generazione. È stata la prima italiana a incidere per la leggendaria etichetta Verve. In Brasile trova un’altra casa collaborando con Chico Buarque, Ana Carolina, Maria Gadù, Gilberto Gil, Daniel Jobim e tantissimi altri.
Artista e donna avventurosa, ha metabolizzato le culture dei continenti che ha attraversato e oggi parla e canta in inglese, italiano, portoghese, spagnolo e francese, senza mai prendere fissa dimora, né in una città, né in uno stile.

DEGUSTAZIONE E MENÙ DELLA SERATA – Il concerto sarà preceduto alle ore 20.00 da una degustazione a cura dell’associazione Famiglie Storiche. I vini in degustazione in questa occasione, saranno delle aziende Allegrini, Begali, Brigaldara e Venturini. Ad accompagnarli il menù dedicato con grissini e schiacciate
Tre stagionature di Monte Veronese (giovane, mezzano e stravecchio)
Primo piatto caldo Risotto tartufo nero della Lessinia mantecato con Cimbro stagionato.

AUTORERedazione
Articolo precedenteEstate 2023: l’Alto Adige del vino pronto ad accogliere i visitatori
Articolo successivoTurismo: scoprire la costa toscana in barca attraverso un libro di ricette