La Maremma autentica di Monteverro nel cuore della Versilia

309

La cantina di Capalbio ancora una volta a VinoVip al Forte,
l’evento organizzato da Civiltà del bere

E il suo Vermentino 2022 è tra i protagonisti del debuttante Vermentino Show

Una lunga spiaggia dorata e chilometrica, gli storici bagni, eventi d’arte e di shopping e quell’allure glamour che ormai da decenni la caratterizza, questa è l’essenza di Forte dei Marmi, perla turistica della Versilia, custodita dalla provincia di Lucca, indiscussa meta mondana. E proprio qui, in questa costa animata dal jet set, si terrà la seconda edizione di VinoVip al Forte, la biennale firmata dalla storica rivista Civiltà del bere, in programma domenica 25 e lunedì 26 giugno a Villa Bertelli, edificio ottocentesco da inizio duemila proprietà del Comune, e spazio dedicato a ospitare mostre ed eventi.
Monteverro – cantina gioiello adagiata sulle colline capalbiesi – risale la costa verso Nord, seguendo il percorso dell’Aurelia, e fa tappa nuovamente a Forte dei Marmi, dopo il debutto nel 2018. In questi quattro anni, la tenuta ha completato il percorso di certificazione biologica e i suoi vini sono entrati sempre più nel gotha delle etichette premiate a livello nazionale e internazionale. Fedeli interpreti di una maremma autentica di cui portano con sé la passionalità e la veracità e al tempo stesso eleganti attori enoici dal profilo internazionale, sono perfetti per il Forte, perla costiera, raffinata e d’antan, in cui convivono ricordi cinematografici e frequentazioni esclusive. Ai banchi d’assaggio di VinoVip Forte. Il 25 e 26 giugno sarà possibile degustare tre etichette: il Tinata 2019, lo Chardonnay 2020 e il Monteverro 2019.
“Il mio obiettivo è creare emozioni in bottiglia”, afferma Matthieu Taunay, enologo di Monteverro. “I vini devono essere un viaggio sensoriale che sappia raccontare il territorio da cui provengono. Ogni bottiglia è il frutto della passione e della visione enologica della tenuta. VinoVIp al Forte, l’evento organizzato da Civiltà del bere, è un’opportunità straordinaria per condividere queste emozioni e incontrare gli amanti del vino che apprezzano l’armonia tra tradizione e innovazione.”
Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot e Petit Verdot con l’inconfondibile carattere della costa toscana: ecco il Monteverro 2019, con uve che provengono esclusivamente dagli appezzamenti migliori, sul versante che digrada dolcemente verso il mare, affina 24 mesi in barrique e due anni in bottiglia, raggiungendo un’intensità e una complessità davvero uniche, una freschezza e un’eleganza di rara nobiltà. L’incredibile varietà del suo bouquet dalle note fruttate e speziate si arricchisce di anno in anno, tanto da venir spesso premiato nelle competizioni nazionali e internazionali. Mentre il Tinata 2019, un vino sensuale che affascina: 70% Syrah e 30% Grenache, due vitigni internazionali, un mix di vigore – il primo – e freschezza – il secondo -, che qui si vestono dello spirito maremmano e regalano spiccate note aromatiche, ma molto equilibrate che rendono il Tinata un rosso morbido ed elegante, in cui è facile intercettare i tipici aromi di lavanda, rosmarino e timo. È un vino complesso e di grande profondità aromatica un’assoluta rarità nella produzione vinicola toscana. Tanto, appunto, da venire premiato. Infine, un fuoriclasse da competizione, una gemma di eleganza e raffinatezza, capace di conquistare con quel suo colore oro intenso brillante e quel suo carattere olfattivo così elegante e avvolgente: questo e molto altro è lo Chardonnay 2020, nato per gioco, cresciuto per convinzione e oggi incoronato come quest’anno designato come “miglior vino biologico bianco” al 5StarWines & Wine Without Walls.
Grande novità dell’edizione 2023, il Vermentino Show, una competizione tra i migliori vermentini d’Italia, a cui prenderà parte anche l’annata 2022 di Monteverro, un vero e proprio fuoriclasse maremmano, risultato di un’ottima vendemmia. Sprigiona profumi al naso di un’intensità quasi magica: frutto della passione, mango maturo, agrumi, influenze di menta e sambuco, finale di erbe, mela cotogna, e pera, minerale e vivace. Che la competizione abbia inizio!
L’appuntamento con i vini di Monteverro è dunque a Villa Bertelli a Forte del Marmi il 25 e 26 giugno, insieme alle altre 52 aziende protagoniste.

AUTORERedazione
Articolo precedente“Garda DOC a bordo”: le etichette del Consorzio tra le onde del lago
Articolo successivoSerralunga d’Alba: degustazioni dedicate al Barolo con 34 cantine