Golosaria Wine (& Food) dedicata al Piemonte

140

Lunedì 25 marzo, all’hotel Melià, protagonisti la Barbera d’Asti nelle sue diverse declinazioni, i grandi rossi del Monferrato e i bianchi più amati del Piemonte, dal Timorasso all’Arneis

Milano e i vini piemontesi hanno un legame secolare: Barbera d’Asti, Grignolino, Freisa e poi i tanti rossi da uve nebbiolo che popolano de sempre le carte di osterie e grandi ristoranti, affiancate negli ultimi anni da Bianchi capaci persino di invecchiare come Erbaluce e Timorasso. Un legame raccontato da diciotto edizioni di Golosaria Milano che però, quest’anno, si è meriterà uno speciale approfondimento. Il 25 marzo 2024 infatti, le sale dell’hotel Melià (via Masaccio, 19) accenderanno i fari su di una Golosaria Wine (& Food) dedicata al Piemonte.

Il format, nato in seno alla kermesse milanese, fa seguito alle edizioni che nel 2023 hanno già visto protagonisti la Romagna, l’Abruzzo e la Lombardia. Ad animare questa giornata, organizzata in partnership con il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, ci saranno 40 produttori selezionati con i loro vini a cui si aggiungeranno le referenze di un’enoteca dove spiccheranno anche i tanti Top Hundred del Golosario. I partecipanti potranno così assaggiare le denominazioni più rappresentative come la Barbera d’Asti o la Barbera d’Asti superiore fino alla declinazione di più lungo invecchiamento del Nizza. E ancora il Ruché di Castagnole Monferrato, il Grignolino d’Asti, il Freisa d’Asti e alcune perle come l’Albugnano (nebbiolo) e l’Albarossa. Da non trascurare, poi, i Bianchi che stanno diventando sempre più importanti anche in una regione tradizionalmente “rossista” come il Piemonte. Ci sarà il Derthona Timorasso, vera e propria star a livello nazionale e internazionale, l’Arneis, patrimonio del Roero, l’Erbaluce, che invece interessa l’Alto Piemonte, fino al Baratuciat nuovo protagonista in Valsusa e in Monferrato senza dimenticare le grandi bollicine piemontesi, che trovano espressione collettiva nell’Alta Langa, ma che a Milano si riveleranno con alcune chicche davvero insolite.

Questi vini saranno anche al centro delle Masterclass condotte durante la giornata da Paolo Massobrio e Marco Gatti, della durata di un’ora, ad ingresso libero fino a esaurimento posti. In una giornata dedicata al Piemonte però non potrà mancare un saggio dei prodotti gastronomici (salumi, formaggi e sfiziosità) che questa regione offre e che saranno rappresentati da alcuni storici produttori de IlGolosario, la guida alle cose buone d’Italia firmata da oltre 25 anni da Paolo Massobrio.

La giornata made in Piemonte passerà anche per la tavola: il ristorante BAR ELYXR Melià, all’interno dell’hotel, proporrà durante tutta la giornata una serie di piatti che richiamano la tradizione regionale: gli agnolotti al sugo di stufato, la battuta di carne con salsa alle acciughe e il vitello cotto a bassa temperatura con salsa tonnata.

L’ingresso a Golosaria Wine&Food, dedicata agli operatori, può avvenire previo accredito sul sito Golosaria 2023 dove è possibile consultare il programma in continuo aggiornamento e la lista dei produttori presenti.

AUTORERedazione
Articolo precedenteALFABETO OBIC: mangiare l’arte, contemplare il cibo!
Articolo successivoTrento DOC Riserva 2019 Benazzoli Fulvio dosaggio zero