Nitto Atp Finals: Asti DOCG protagonista col grande tennis a Torino

160

ASTI – Dal rettangolo di gioco del Pala Alpitour al centro di Torino, l’Asti Docg torna protagonista delle Nitto Atp Finals, dentro e fuori dal campo. La denominazione spumantistica più antica d’Italia, infatti, non solo è Official sparkling wine e Silver partner del torneo che dal 12 al 19 novembre vede sfidarsi i magnifici 8 del ranking mondiale ma ha in serbo anche numerose iniziative collaterali – realizzate dal Consorzio Asti Docg – nel capoluogo piemontese.

A fare da anteprima a uno degli eventi tennistici più attesi dell’anno, martedì 7 novembre la Window Opening Ceremony Shopping Night dove, al piano zero della Rinascente di via Lagrange, l’Asti Docg sarà il vino servito nell’area wine&food (spazi Obicà). E il Moscato d’Asti e l’Asti Spumante saranno nei calici anche del Nitto Atp Finals Innovation Summit (giovedì 9 novembre – piazza Castello), l’iniziativa che coinvolge le realtà che operano nel mondo della sostenibilità e innovazione impegnandosi nella riduzione di C02, del Welcome Cocktail di apertura delle Finals (venerdì 11 novembre – Palazzo Reale) e dell’Atp Tournament Welcome Dinner (venerdì 11 novembre – Palazzo Madama), la cena riservata ai direttori di gara.

Spazio anche al Charity Brunch, l’evento di beneficenza di martedì 14 novembre al Museo del Cinema con in palio alcuni memorabilia di tennisti nazionali e internazionali. In particolare, il Consorzio Asti Docg metterà all’asta una racchetta di Lorenzo Sonego, brand ambassador della denominazione, oltre ai completini dei giocatori Trevisan, Struff e Davidovich Fokina. L’intero ricavato sarà devoluto all’Istituto di Candiolo, centro specializzato nel trattamento delle patologie oncologiche inserito nella Rete Oncologica del Piemonte-Valle d’Aosta.

Inoltre, per tutta la durata del torneo, il Moscato d’Asti e l’Asti Spumante saranno serviti sia all’interno del Fan Village del Pala Alpitour che nello Spazio Gattinoni, il corner consortile cittadino allestito in via Cesare Battisti.

AUTORERedazione
Articolo precedenteAnnata 2023: il bilancio nelle Tenute di Piccini 1882
Articolo successivoDolce Toscana nel vino: passato, presente e futuro