Vino: nel centro storico di Catania torna “Piccolo è bello”

68

Sesta edizione dell’evento dedicato alle piccole cantine dell’Etna
Ex monastero dei Benedettini, Piazza Dante

CATANIA – Torna domenica 9 giugno a Catania nell’ex monastero dei Benedettini “Piccolo è bello” l’unica manifestazione che porta i vigneron dell’Etna nel centro cittadino per incontrare gli appassionati di vino e raccontare le loro storie, la loro fatica, i loro vini.
Un centinaio di produttori hanno già risposto alla “chiamata” di Agata Arancio, sommelier e professionista del mondo del vino, da sempre “anima” di Piccolo è Bello alla sua sesta edizione per la seconda volta organizzata nel monastero settecentesco di Piazza Dante.

«Quest’anno – anticipa Agata Arancio – abbiamo scelto di incentrare la manifestazione sul concetto di “estremo” laddove estremo, in una terra che vive di estremi come la nostra, può voler dire molte cose. Un ambiente estremo, condizioni climatiche estreme, tecniche di vinificazione estreme, ma anche le difficoltà che incontrano i produttori vitivinicoli, gli olivicoltori e gli agricoltori in questo particolare momento storico in cui i cambiamenti climatici impongono nuove scelte e nuove sfide. Dare valore al lavoro di questi piccoli produttori, metterli in relazione con l’esperienza di altri vignaioli che affrontano le stesse difficoltà con la stessa passione è la mission di Piccolo è Bello. Infatti attraverseremo la Sicilia, le sue isole, e faremo un salto anche in Calabria. Ospiteremo tre piccoli produttori dello Champagne e dell’estremo Est, Friuli Venezia Giulia e Veneto».

Fra gli ospiti di questa sesta edizione, gli attori Aldo Baglio e Silvana Fallisi, coppia nella vita e nell’arte che da qualche anno hanno deciso di tornare a vivere a Buccheri ”piccolo” comune del Siracusano inserito nel circuito dei borghi più belli d’Italia.
Ancora. Novità di quest’anno una sezione chiamata “Innesti” che vedrà nella settimana precedente all’evento tre serate ad hoc organizzate in enoteche e ristoranti catanesi dove i winelover potranno incontrare i produttori, e la contaminazione con altri “piccoli” – ma dell’editoria – con la prima edizione del premio “Piccolo è Bello” assegnato alla casa editrice Algra.

Spazio anche al libro “L’Anima del Sautè”, dai quaderni di ricette di Maria Vagliasindi, di Rosanna Romeo del Castello e Chiara Vigo (Torri del Vento edizioni), autrici presenti a Piccolo è Bello per il firmacopia.
Inoltre, nel segno dell’attenzione costante al tema della violenza di genere, “Piccolo è Bello” donerà una parte dei proventi dei biglietti alla neonata Associazione Marisa Leo, attivista, “donna del vino”, responsabile marketing e comunicazione dell’azienda Colomba Bianca uccisa lo scorso settembre dal suo ex.

Porte aperte al pubblico dalle 15 con i vari banchi d’assaggio, di vino e food.
Il programma prevede un seminario sull’olio “Eroico evo” a cura di Enzo Signorelli con degustazione di olii a marchio Fioi (Federazione italiana olivicoltori indipendenti) guidate dai sommelier Aiso (Associazione italiana sommelier olio).
Previste anche due masterclass. La prima sugli spumanti dell’Etna, a cura di Francesco Chittari e Maurizio Micari, docenti di Fondazione italiana sommelier (presieduta da Paolo di Caro).
La seconda masterclass è sugli champagne e sarà condotta da Manlio Giustiniani, relatore Fis, uno dei maggiori esperti di champagne in Italia.

A Piccolo è Bello, inoltre, non mancherà la musica con il concerto di Alfredo Longo (chitarra) e Floriana Pappa (voce) alle 19.30, sul palco del cortile del Benedettini.
Main partner di Piccolo è bello sono Generali, Aenologica, AcquaFontalba, Millesuoli. La manifestazione gode del patrocinio del Comune di Catania, Strada del Vino e dei Sapori dell’Etna, Associazione Donne del Vino Sicilia, Istituto tecnico agrario Filippo Eredia, quotidiano La Sicilia. Partner tecnici Fis e Ais. Media Partner Wine Register.
“Piccolo è Bello” è interamente autofinanziato.

Info, dettagli, biglietti e prenotazioni masterclass su Piccolo è Bello – La manifestazione dedicata ai piccoli vignerons del vulcano e ai loro vini d’eccellenza (piccoloebello.com)

AUTORERedazione
Articolo precedenteLanghe, primi dati sull’innovazione del turismo enogastronomico
Articolo successivoBerlucchi Franciacorta ha ospitato l’assemblea de “Le Soste”