“Monferrato Wine Festival – Monferrato Identity” per celebrare le sue denominazioni

419

COSTIGLIOLE D’ASTI – Conto alla rovescia per la prima edizione di “Monferrato Wine Festival – Monferrato Identity”, il nuovo evento previsto per maggio 2023 ideato e promosso dal Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato volto a celebrare le tredici denominazioni piemontesi del Monferrato.

“Siamo felici e orgogliosi – spiega Filippo Mobrici, Presidente del Consorzio – di poter finalmente presentare al pubblico questo evento che, come Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, abbiamo fortemente voluto. Ideato a partire dai principi ispiratori che muovono il nostro operato, ossia la promozione del nostro territorio e dei nostri vini, “Monferrato Wine Festival – Monferrato Identity” sarà un momento significativo per noi e per le aziende che rappresentiamo volto a celebrare e presentare al mondo ciò che ci distingue: i nostri panorami disegnati proprio da quelle viti che ci hanno permesso di diventare nel 2014 Patrimonio dell’Unesco”.

Il paesaggio delle colline centrali del Piemonte è stato infatti riconosciuto dall’Unesco come paesaggio culturale di eccezionale bellezza, caratterizzato da una tradizione storica antica legata alla coltura della vite e a una vera e propria “cultura del vino”, profondamente radicata nella comunità. Ad animare la manifestazione un ricco calendario di eventi, degustazioni e appuntamenti collaterali che permetteranno ad un pubblico di appassionati e a giornalisti di stampa specializzata di vivere un’esperienza immersiva nella bellissima cornice del territorio del Monferrato.

IL CONSORZIO BARBERA D’ASTI E VINI MONFERRATO

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, fondato nel 1946, ha il compito di tutelare e promuovere le sue denominazioni per garantire la loro diffusione e la loro immagine sui mercati nazionali e internazionali, anche attraverso appositi marchi distintivi. Attualmente il Consorzio conta 390 aziende associate e 13 denominazione tutelate.

AUTORERedazione
Articolo precedenteDal 4 al 6 marzo la 1^ edizione del “Salone del Vino di Torino”
Articolo successivoOrtofrutta, i segnali da cogliere. Un’analisi dopo “Fruit Logistica” a Berlino