Leroux e Mougel, MOF, incoronano la nocciola del Piemonte

439

“È un prodotto unico al mondo, scelto per offrire ai pasticcieri professionisti ingredienti di altissima qualità e dal sapore inconfondibile.” Alberto Molinari, general manager di Puratos Italia con sede a Parma: “Valorizzare i prodotti di eccellenza e garantire la sostenibilità dell’intera filiera della produzione del cioccolato appartiene alla nostra mission.”

Made in Italy ancora una volta ai vertici del gusto grazie alla nocciola Igp del Piemonte. A sottolinearne l’eccezionalità del sapore e della qualità sono stati due Meilleur Ouvrier de France, MOF – onorificenza assegnata dalla Repubblica Francese – il maestro cioccolatiere Stéphane Leroux, considerato il migliore al mondo, e Jonathan Mougel, uno dei più apprezzati pasticcieri francesi, in occasione di “Viaggio alle origini del gusto”: l’evento, promosso dall’azienda Puratos Italia, leader nella produzione di prodotti per la panificazione, la pasticceria e il cioccolato, sì è svolta il 23 febbraio a Pollenzo nel cuore delle Langhe, in provincia di Cuneo.

Nell’auditorium dell’azienda Selmi, leader nella produzione di macchine per la lavorazione del cioccolato, davanti a oltre ottanta pasticcieri professionisti provenienti dall’intera penisola, Stéphane Leroux e Jonathan Mougel hanno tenuto una masterclass durante la quale, con creatività artistica e maestria tecnica, ha incantato la platea. Nella mattinata i due MOF hanno mostrato come con il cioccolato, in questo caso rigorosamente belga, prodotto da Puratos con il brand Belcolade, e con i pralinati, si possano realizzare proposte dal contenuto originale, in cui al gusto eccezionale si abbina una cura estetica in grado di trasformare in un’opera d’arte anche un semplice dolce; come nel caso della mini Saint Honoré vaniglia e nocciola che, tra gli ingredienti principali, ha appunto il pralinato, che contiene il 62% di nocciole piemontesi, prodotto presentato in anteprima durante la masterclass.

Il clou è stato raggiunto nel pomeriggio, quando Leroux e Mougel hanno dato libero sfogo alla loro fantasia e creatività costruendo una pièce, una vera e propria scultura, formata da due elementi tra loro perfettamente integrati: una composizione, alta poco meno di un metro realizzata con cinquanta chilogrammi di cioccolato, ideata da Leroux, ispirata ai volumi dell’architettura moderna, impreziosita da una decorazione floreale in zucchero, uscita, quasi per magia, dalle esperte mani di Mougel. Una performance spettacolare che si è conclusa con gli applausi a scena aperta dei partecipanti e gli immancabili selfie a fianco delle due star della pasticceria internazionale.

“Per noi questi sono momenti molto importanti perché incontriamo i pasticcieri professionisti che sono i nostri clienti per molti dei prodotti che realizziamo, a partire dal cioccolato Belcolade. Da sottolineare che la trasferta nel cuneese ha anche un forte valore simbolico perché evidenzia la volontà, sempre più marcata, di privilegiare l’utilizzo di prodotti del territorio, in questo caso la nocciola IGP del Piemonte, che sono espressione anche di una storia e di una cultura profondamente radicate in un preciso e riconoscibile ambito geografico. Da ultimo, desidero sottolineare la natura virtuosa di iniziative di questo genere, perché consentono ad aziende importanti della filiera della produzione e lavorazione del cioccolato, come Selmi, e Martellato nel campo degli stampi, di affinare il proprio lavoro, dando tutti, in questo modo, un contributo al miglioramento del prodotto finale” ha commentato Alberto Molinari, general manager di Puratos Italia, il cui quartier generale si trova nel cuore della Food Valley a Parma.

AUTORERedazione
Articolo precedenteSalone del vino di Torino: “La Notte dei Vini – Cantine d’Italia”
Articolo successivoCatania, Teatro Stabile: “Il malato immaginario” di Molière con Emilio Solfrizzi